Comunicazioni

L'Associazione AIAT-SFX, nel comunicare che è di questa mattina un nuovo provvedimento sanzionatorio nei confronti di un suo associato, da parte dell'Autorità amministrativa di Pubblica sicurezza, prova nuovamente a sollecitare un minimo di interesse con una lettera aperta al Ministro dell'Interno Maroni (raccomandata 1 - 05206440560-1 del 14 marzo 2011).



Sig. Ministro,

ci rivolgiamo a lei per ringraziare il Ministero dell’Interno per tutto quello che non ha mai fatto in oltre 35 anni: un regolamento per disciplinare e definire la detenzione e l’uso delle armi per uso scenico sparanti a salve; e per non aver mai emanato, come per le armi demilitarizzate o disattivate, una circolare che indichi a quali caratteristiche le armi sceniche debbano corrispondere.

Gli associati AIAT-SFX, riuniti in Assemblea il 12 marzo 2011, presenti e rappresentati per la quasi totalità

constatato

- il silenzio istituzionale per le questioni poste nelle due settimane passate;

- l’emissione di ulteriori atti sanzionatori da parte dell’Autorità amministrativa di Pubblica sicurezza;

- il disinteresse del comparto audiovisivo che non ha, evidentemente, ritenuto di dover compiere in tempi brevi atti significativi per richiamare l’attenzione degli Organi d’informazione e delle Istituzioni su una questione che, se non chiarita, potrebbe avere gravi risvolti per l’intero settore dell’industria audiovisiva;

hanno votato all’unanimità

la sospensione di tutte le prestazioni lavorative, quale che sia l’effetto speciale richiesto, set e/o preparazione, a partire da lunedì 14 marzo 2011.

Festival del Cortometraggio OFF e premiazione dei mestieri del cinema "LA PELLICOLA D'ORO"

sabato 12 marzo alle ore 10,00 presso la sala Di Liegro

Provincia di Roma (Palazzo Valentini)Via IV Novembre, 119/a Roma 

Nei giorni precedenti presso il TEATRO CENTRALE in via Celsa, 6 (Ang. via delle Botteghe Oscure) si proietteranno con la presenza delle associazioni di categoria, che spiegheranno il loro impegno professionale nella realizzazione dell'opera filmica a studenti e ospiti in sala.

Precisazioni sulla “Sospensione di tutte le attività lavorative che richiedono l’uso delle armi per uso scenico” e, in generale, che richiedono l’autorizzazione da parte dell’Autorità di Pubblica Sicurezza.
 
A seguito di alcune richieste di chiarimento, l’Associazione AIAT-SFX precisa che  le domande per i permessi, per poter utilizzare le armi per uso scenico nei giorni successivi al 14 marzo, data d’inizio della sospensione delle attività connesse, continuano ad essere presentate, in quanto non ci è possibile escludere una conclusione positiva della vicenda nel più breve tempo possibile e, quindi, la ripresa delle attività.

Sindacato Lavoratori Comunicazione
Ufficio Sindacale Troupes - Coord. Nazionale
Sede: via Goito, 39    00185 Roma                                                                                              
Tel/fax 06491004  e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

EFFETTI SPECIALI DISARMATI

L'allarme lanciato dall'AIAT-SFX non va lasciato inascoltato. L'associazione degli scenotecnici - effetti speciali del cineaudiovisivo - sta ponendo un serio problema di tutela nei confronti dei lavoratori della categoria.

Roma, 4 marzo 2011

 
Precisazioni sulla “Sospensione di tutte le attività lavorative che richiedono l’uso delle armi per uso scenico”

 
L’Associazione AIAT-SFX, nel ribadire la comprensione per i disagi che potrebbero derivare dalla sospensione delle prestazioni lavorative con uso di armi sceniche, ricorda alle produzioni che non si tratta di un’iniziativa rivendicativa di tipo sindacale, bensì di una sospensione dovuta a motivi di forza maggiore.

Roma, 3 marzo 2011
 
Sospensione di tutte le attività lavorative che richiedono l’uso delle armi per uso scenico
 
Vista l’attuale incertezza del quadro normativo, relativamente alle norme sulla classificazione e detenzione delle armi per uso scenico, l’Associazione AIAT-SFX comunica che a partire da lunedì 14 marzo 2011 sono sospese tutte le attività lavorative che prevedono l’uso di armi sceniche.
L’Associazione ha ritenuto di non sospendere immediatamente le attività, nonostante la situazione lo richieda, al fine di consentire alle produzioni, che in questo momento hanno in programma prodotti con uso di armi sceniche, di avere il tempo per poter riorganizzare i piani di lavoro.